Nicola Cardinali's Weblog

Just a blog.

Elogio dell’Acer Liquid A1

leave a comment »

Come telefono cellulare sto usando un Acer Liquid A1 che mi sono “regalato” l’anno scorso. E’ uno smartphone con caratteristiche hardware medio/alte anche se venduto ad un prezzo decisamente concorrenziale rispetto ad altri devices. Il suo punto di forza direi certamente che è il processore smartdragon da 1 GHz, downcloccato da Acer a 768 MHz probabilmente per ridurre il consumo di energia e dare sollievo alla batteria. Per contro, alcuni punti deboli sono: limitata quantità di RAM (256 MB), limitata quantità di ROM (512 MB) e la scocca che, essendo di plastica, si muove e questo provoca piccoli scricchiolii.

Il punto debole principale rimane comunque la RAM limitata. Anche Acer è corsa ai ripari mettendo in commercio il fratello maggiore del Liquid A1 che è il Liquid E equipaggiato con 512 MB di RAM. Tuttavia, nonostante qualche volta questa lacuna si faccia sentire rendendo il telefono un po’ “scattoso”, la quantità di RAM libera a telefono acceso e funzionante non scende mai sotto i 60 MB riuscendo a garantire comunque una fluidità del sistema operativo nel 90% del tempo di utilizzo.

* In realtà il titolo sarebbe dovuto essere “Elogio alla LS 2.1.4 e guida all’installazione” proprio perchè volevo scrivere di come installare questa ROM cooked sul telefono e far vedere quanto va bene. Poi non ho avuto tempo ed è rimasta solo la parte iniziale dell’articolo.

Written by me

20 settembre 2010 at 10:37 am

Pubblicato su Uncategorized

Avidemux: il video editing non è mai stato così facile

leave a comment »

Esistono moltissimi programmi che consentono di modificare i video, Avidemux è uno dei pochi che permette di eseguire operazioni di editing in modo semplice e veloce.

Dall’homepage dell’applicazione http://fixounet.free.fr/avidemux/

Avidemux è un editor video gratuito progettato per semplici compiti di taglio, filtraggio e codifica. Esso supporta molti tipi di file, inclusi AVI, MPEG compatibili DVD, MP4 e ASF, usando una vasta gamma di codec. I compiti possono essere automatizzati utilizzando progetti, code di lavoro e possibilità di utilizzare capacità di scripting.
Avidemux è disponibile per Linux, BSD, Mac OS X e Microsoft Windows sotto licenza GNU GPL. […]

Per l’installazione basta digitare un banale sudo apt-get install avidemux nella finestra del terminale oppure installarlo da Ubuntu software center.

All’avvio il programma aspetta che gli indichiamo il video da elaborare. Per esempio proviamo a vedere i passi necessari a convertire un DVD in Xvid.

Dopo aver salvato il DVD sull’harddisk, cliccare sul pulsante apri della barra degli strumenti di Avidemux e selezionare il file VOB che si vuole convertire. Selezionare dalla tendina Video la voce MPEG-4 ASP (Xvid) e dalla tendina Audio la vode MP3 (lame). Nella tendina Formato lasciare impostato AVI. La barra sotto funziona come quella di un vero e proprio riproduttore di filmati e tra le altre cose consente anche di tagliare testa e coda del filmato con i tasti A e B.

Dopo aver impostato tutti i parametri basta cliccare sul pulsante Salva e dare un nome al file. Una finestra di informazioni ci informa sulla durata del processo di codifica.

Avidemux è molto più potente di quanto descritto qui, per saperne di più visita la sezione “wiki docs” del sito web .

Written by me

18 settembre 2010 at 1:27 pm

Pubblicato su DVD, Film, Linux, tool, Ubuntu

Android app: Green Power battery saver

with 2 comments

Ed ecco la terza app dietro fila per il risparmio energetico di Android. Questa si chiama Green Power e la sto testando in questi giorni dopo aver provato JuiceDefender e BatteryFu.

Il primo giudizio che posso dare sull’applicazione è buono se non ottimo… a confronto con le altre due sembra fare meglio il lavoro cioè sembra salvare più batteria.

EDIT: Dopo alcuni giorni posso mettere online qualche statistica. La batteria risponde bene a Green Power. Alla fine del primo giorno (dopo una carica completa) la batteria arriva di media al 60%, quindi con un utilizzo medio del cell si riescono a fare tranquillamente due giorni pieni. Preciso che spengo il cell la notte e quindi lo tengo acceso all’incirca 15 ore/giorno. Per fare una somma delle ore potrei dire che la batteria ha una durata tra una carica e lo spegnimento completo di circa 37 ore.

QR-code

Written by me

12 settembre 2010 at 2:27 pm

Pubblicato su Android

Android App: JuiceDefender battery saver

with one comment

Una nuova app dell’Android Market per ottimizzare e aumentare il consumo della batteria dei nostri smartphone. Anche JuiceDefender (come quella del mio post precedente su BatteryFu) si basa sul concetto di spegnere le varie funzionalità “online” del telefono quando non sono utilizzate dall’utente. Quindi quando viene spento lo schermo, JuiceDefender provvede in automatico a disattivare la connessione dati e il wireless (solo nella versione a pagamento). Le “comunicazioni” verranno riaperte, a tempo, in automatico, ad esempio dopo 15 o 30 minuti. Così possiamo mantenere l’aggiornamento automatico di gmail, dei contatti o di Facebook.

Dopo qualche giorno di utilizzo posso testimoniare che il mio Acer Liquid ha guadagnato autonomia grazie all’applicazione e ora arrivo tranquillamente a fare 2 giorni, prima facevo 1 giorno e mezzo. Effettivamente il guadagno non è eccessivo ma è già abbastanza per dare qualche chance a questa app, almeno finchè il bug di BatteryFu non viene sistemato 🙂

L’applicazione si trova gratuitamente (con funzionalità limitate) nell’Android Market con il nome JuiceDefender (senza spazio tra le due parole). Il sito web è http://latedroid.com/juicedefender/.

QR-Code, punta qui il barcode scanner per aprire direttamente il market

Written by me

10 settembre 2010 at 11:42 pm

Pubblicato su Android

Tagged with

Android App: BatteryFu battery saver

with 2 comments

Toby Kurien ha avuto una idea spettacolare per quanto è semplice: ponderare l’utilizzo delle connessioni wifi e 3G sul telefono in modo da migliorare il consumo della batteria ma al contempo permettere il funzionamento al 100% dei servizi web.

Le premesse sono queste:

BatteryFu is a battery saver that works by disabling data and auto-sync. It enables them periodically so that you can get e-mail and updates. Works like Juice Defender but far leaner. Can give you over 4 days of battery life (G1)!

Per ora l’ho installata in prova, vediamo come va e se effettivamente fa ciò che dice di fare ma le premesse sono ottime!

QR-Code, punta qui il barcode scanner per aprire direttamente il market

EDIT: Come dicevo nel post, le premesse e l’idea sono ottime ma l’app ha un piccolo bug che ne fa diminuire il valore. Provandola per un giorno mi sono accorto che la funzione ‘Data while screen on’ va in conflitto con il timeout impostato in ‘Connect time’. Ad esempio, come ho spiegato nel post dove lo sviluppatore presenta l’applicazione, se imposto il Connect time a 1 minuto e metto la spunta su Data while screen on, la connessione dati non rimane attiva ‘while screen on’ ma soltanto per 1 minuto.

Spero proprio che lo sviluppatore corregga il bug e che pubblichi un aggiornamento sul market perchè al di là di questa piccola svista sarebbe la migliore app battery saver.

Written by me

6 settembre 2010 at 10:45 pm

Pubblicato su Android

Applicazione WordPress per Android

leave a comment »

L’applicazione WordPress for Android consente di gestire i blog appartenenti al nostro account direttamente dallo smartphone. Tramite l’app, scaricabile direttamente dal market, è possibile scrivere nuovi post, modificare quelli già esistenti, gestire i commenti e ricevere notifiche direttamente sul cellulare.

Il sito dell’applicazione è android.wordpress.org

QR-Code, punta qui il barcode scanner per aprire direttamente il market

Written by me

31 agosto 2010 at 11:20 am

Pubblicato su Android

Leggere da Ubuntu i DVD creati col Panasonic DVD Recorder

leave a comment »

In questi giorni ho avuto la necessità di copiare un DVD contenente un filmato amatoriale (registrato da telecamera) e masterizzato su un DVD-R con un Panasonic DVD Recorder. Siccome ho avuto qualche difficoltà, ho deciso di scrivere questo piccolo walkthrough. Tutta l’operazione l’ho eseguita da Ubuntu 10.04 e non so dire effettivamente se con Windows/Mac o altra versione di GNU/Linux avrei riscontrato le stesse problematiche.

Mettendo il DVD in un normale lettore DVD da salotto, il filmato viene riprodotto correttamente. Anche mettendolo nel lettore DVD del computer, viene riprodotto correttamente: il filmato viene riprodotto da un normale player di DVD come ad esempio vlc.

Il problema sorge quando si cerca di accedere alla cartella montata. Se ad esempio il DVD viene montato da Ubuntu nella directory /media/DVD_RECORDER, un cd /media/DVD_RECORDER genera un errore di accesso negato.

Il problema rimane anche se si prova a forzare i diritti di lettura ad esempio lanciando Nautilus come root. In questo caso si riescono a sfogliare le cartelle all’interno della cartella montata ma non si riescono a copiare i file dalle cartelle ad un’altra posizione sul disco.

Non conoscendo personalmente la persona che ha effettuato il riversamento del filmato su DVD, non so con certezza se, nel processo di masterizzazione, siano state impostate delle protezioni particolari oppure se il DVD Recorder stesso imposti di default qualche tipo di protezione. Fatto sta che il DVD viene riprodotto correttamente ma nel momento in cui si prova ad accedere in lettura si viene bloccati.

Quello che mi ha incuriosito è il fatto che si riesca ad accedere all’elenco delle cartelle e dei files e per di più che si riesca a riprodurre il filmato contenuto nel DVD, ma che non si possa in nessun modo riuscire a copiare i files.

La soluzione è usare il comando mount con la particolare opzione nojoliet.

sudo mount -t iso9660 -o ro,nojoliet /dev/sr0 /mnt/dvdrom/

dove /dev/sr0 è il device DVD e /mnt/dvdrom è la directory di mount.

La descrizione dell’opzione nojoliet in man mount è la seguente:

Disable the use of Microsoft Joliet extensions, even if available.

Beh, Ubuntu e Microsoft non vanno proprio d’accordo…

Written by me

22 maggio 2010 at 12:05 am

Pubblicato su mount, Panasonic, Ubuntu

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: